L’Europa si impegni a porre fine alle mutilazioni genitali femminili

6 febbraio 2012 | Comments Off on L’Europa si impegni a porre fine alle mutilazioni genitali femminili

Il 6 febbraio si celebra la Giornata internazionale per la tolleranza zero nei confronti delle mutilazioni dei genitali femminili. Amnesty International e l’European Women’s Lobby chiedono all’Unione europea una visione coerente e un forte impegno comunitario per porre fine a queste e ad altre forme di violenza contro le donne.

In vista della Giornata internazionale per la tolleranza zero nei confronti delle mutilazioni dei genitali femminili, che si celebra il 6 febbraio, Amnesty International e l’European Women’s Lobby hanno chiesto all’Unione europea di adottare una visione coerente e l’impegno per porre fine a queste e ad altre forme di violenza contro le donne.

Dal 2010, quando la Commissione europea aveva promesso di adottare una strategia sulla violenza contro le donne, comprese le mutilazioni dei genitali femminili, non vi e’ stato alcun tentativo coerente e strutturato di affrontare questa violazione dei diritti umani.

Il parlamento europeo stima che 500.000 donne e bambine residenti in Europa portino su di se’ le conseguenze permanenti delle mutilazioni dei genitali femminili e che altre 180.000 siano a rischio ogni anno. Molto spesso, le bambine vengono portate all’estero durante le vacanze estive e costrette a subire la mutilazione dei genitali, garanzia del loro status sociale e della loro idoneita’ ad andare in spose. Pur se alcuni stati membri dell’Unione europea si sono dotati di leggi e politiche in materia, c’e’ ampia disparita’ tra stato e stato.

In Francia, Regno Unito, Svezia e altri paesi dove e’ stata riconosciuta reato da oltre un decennio, la pratica delle mutilazioni dei genitali femminili prosegue. ‘E’ la prova che la legge non e’ la chiave che chiude tutte le porte a questa violazione dei diritti umani. L’Unione europea dovrebbe adottare un approccio complessivo che coinvolga le comunita’ interessate, per garantire che le bambine siano protette e le loro famiglie non siano colpite dallo stigma’ – ha dichiarato Christine Loudes, direttrice della Campagna europea END FGM, per porre fine alle mutilazioni dei genitali femminili, promossa da Amnesty International.

La violenza contro le donne, di cui le mutilazioni dei genitali femminili sono uno dei piu’ gravi esempi, e’ un fenomeno sistematico e molto diffuso. Quasi ogni donna nell’Unione europea subira’ qualche forma di violenza durante la sua vita, una su cinque sara’ vittima di violenza domestica, una su 10 verra’ stuprata o costretta a compiere atti sessuali.

Amnesty International e l’European Women’s Lobby ritengono che un passo che ciascuno stato membro dell’Unione europea potrebbe gia’ intraprendere per proteggere le donne e le bambine dalle mutilazioni dei genitali femminili e da altre forme di violenza contro le donne, sia quello di firmare e ratificare la Convenzione del Consiglio d’Europa per prevenire e combattere la violenza contro le donne e la violenza domestica.

Continua la lettura su Rainews24


I commenti sono chiusi.